Notte italiana all’Organistival di Ratingen, con Francesco Finotti e Livia Mazzanti

Il festival organistico “Organistival” di Ratingen è giunto quest’anno alla ventiduesima edizione. Tra gli eventi di maggior prestigio c’è la Notte Italiana, che avrà luogo il 12 Luglio presso la chiesa St. Peter und Paul e ha in programma i concerti di Francesco Finotti e Livia Mazzanti.

Il concerto di Francesco Finotti avrà inizio alle ore 20. L’organista padovano eseguirà musiche di Franz Liszt: l'”Evocazione Della Cappella Sistina”, la “Consolazione Nr.1 in Re Maggiore, andante con moto”, la “Consolazione Nr.2 in Re Maggiore, un poco più mosso”, la “Consolazione Nr.4 in Re Bemolle Maggiore, quasi adagio” e la Sonata in Si Minore.… Vai all'articolo

Il cambio valvole crea dipendenza?

Valvole, componenti attivi dotati del più grande fascino, anche a livello visivo, mitizzati a volte in maniera esagerata e su cui si è detto di tutto e di più.

In particolare riguardo alla sonorità che riescono a conferire alle apparecchiature che ne fanno uso. Il suono valvolare, è appunto tra i luoghi comuni più frequentati, e abusati, dalla pubblicistica di settore ma anche palestra per i misuristi di varia estrazione in cui esercitare la loro specialissima concezione dei fenomeni riguardanti la riproduzione sonora, a metà strada tra superficialità disarmante e presunzione spinta oltre i limiti della ragionevolezza.… Vai all'articolo

Un commento emblematico -alias- l’uso spregiudicato del pretesto

Da poco è stato inviato un commento a un articolo che è in linea da circa un anno.

Poiché lo ritengo emblematico per una serie di elementi che stanno letteralmente dilagando nell’atteggiamento comune a una precisa fascia di individui, invece che confinarlo nella sezione commenti dell’articolo di competenza, in cui avrebbe avuto per forza di cose una visibilità limitata e come tale sarebbe stato fin quasi sprecato, ho pensato di dedicargli un articolo. Così da porre meglio in evidenza la pretestuosità delle motivazioni da cui muove, l’assenza di credibilità dei suoi contenuti e i toni da cui è pervaso, tali da renderlo sostanzialmente irricevibile.… Vai all'articolo

Demetrio, un rimpianto lungo 40 anni

E così sono 40, i lunghi anni che ormai ci separano da quel giorno inverosimile, in cui ricevemmo la notizia che non sarebbe mai dovuta arrivare.

Demetrio Stratos, cantante degli Area e prima ancora dei Ribelli, ci aveva lasciato. Proprio nel luogo in cui si sperava che la sua malattia rara potesse trovare una cura. Proprio lui che aveva sempre dato due giri di pista a tutti, ci è arrivato forse troppo tardi.

Su Demetrio, il suo personaggio, la sua voce e soprattutto l’uso che ne fece è stato detto di tutto e di più.… Vai all'articolo

Grande Musica a Roma con il Maestro Francesco Finotti

Per i veri appassionati di musica che vivono nella Capitale e nei suoi dintorni è fissato questa sera, 11 Giugno 2019, un appuntamento di grande prestigio.

Nella Chiesa Evangelica Luterana di Via Sicilia 70, si terrà un concerto di musiche per organo eseguite da Francesco Finotti, grande virtuoso dello strumento.

Il pubblico presente potrà ascoltare uno tra gli organi dalla sonorità più avvincente funzionanti nella Città di Roma e non solo, portato al pieno delle sue potenzialità espressive ed emozionali da un artista della levatura di Francesco Finotti.… Vai all'articolo

“IL” giradischi 7 – installazione e messa a punto

Dopo tanta teoria, arriviamo agli aspetti pratici inerenti le sorgenti analogiche.

Il primo di essi riguarda la sistemazione in ambiente del giradischi. La sua importanza è fondamentale, perché in assenza di una base d’appoggio in grado di fare il suo dovere, nessun giradischi, economico o costoso che sia, potrà esprimere le sue doti sonore.

Estremizzando il concetto, la base d’appoggio viene prima ancora del giradischi e andrebbe scelta in base alle sue caratteristiche di peso e ingombro.… Vai all'articolo

Vinile, che fare?

La parabola compiuta dal vinile, e più in generale dal sistema di riproduzione analogico nel corso degli ultimi quattro decenni, ritengo sia per molti versi emblematica.

Non era ancora arrivato a esprimere fino in fondo il suo potenziale, quando è stato sostanzialmente eliminato. Non tanto dal digitale, quanto dalla vera e propria frenesia, strumentale, che ha caratterizzato le diverse fasi di sviluppo e diffusione dell’allora nuovo formato. Ne sono stati contagiati per primi i suoi ideatori e sviluppatori, anche per via dell’urgenza di rientrare nel più breve tempo possibile degli investimenti affrontati al riguardo, ma soprattutto la stampa di settore.… Vai all'articolo

Tutta colpa del bass reflex?

Come tutti gli altri, anche il mondo della riproduzione sonora ha i suoi luoghi comuni.

Tra i più frequentati, se non addirittura il più diffuso di tutti, c’è quello riguardante il bass reflex, accusato di ogni nefandezza. Qualche tempo fa, dagli spazi del gruppo social collegato alla testata con cui collabora, persino un giornalista di settore gli ha lanciato il suo anatema personale, chiedendosi perché mai tutti i diffusori in commercio non siano in sospensione pneumatica.… Vai all'articolo

Gran Galà Roma 2019

Come mia abitudine, ho visitato l’edizione romana del Gran Galà 2019 nella giornata di apertura, a partire dalla tarda mattinata.

Giusto in tempo per assistere alla dimostrazione del master Fonè riguardante la registrazione di alcuni brani eseguiti da Al di Meola, riprodotti a partire da un registratore Nagra. Dopo l’introduzione di Giulio Cesare Ricci, cui si riferisce la foto di apertura, si è passati all’ascolto, che purtroppo si è rivelato alquanto deludente.

Diversamente da quanto accaduto nell’edizione scorsa, quella settembrina in cui i nastri su cui era fissata l’esecuzione di Enzo Pietropaoli hanno svettato nei confronti di quant’altro fosse ascoltabile nelle varie salette, oltretutto contraddistinte da una media sorprendentemente elevata in termini di qualità sonora, stavolta la scintilla non è scoccata.… Vai all'articolo

Risonatori di Schumann, info ed esperienze

Dopo lunga e penosa malattia, l’influenza di quest’anno è parecchio forte e difficile da superare, oltre a una serie di disavventure di carattere informatico, riesco finalmente a mettere in linea un nuovo articolo, dedicato ai risonatori di Schumann.

Da qualche tempo hanno acquisito una certa notorietà, almeno tra gli appassionati che dedicano maggiore attenzione alla messa a punto dell’impianto.

Per quelli all’oscuro della faccenda, descriviamo per sommi capi le caratteristiche di questa tipologia di apparecchiature, che emettono una frequenza di 7,83 Hz, nota appunto come frequenza di Schumann, dal nome dello studioso che per primo ne dimostrò l’esistenza nel corso degli anni ’50.… Vai all'articolo