Sensibilità e accettazione massima dell’ingresso phono

Qualche giorno fa un frequentatore del sito ha inviato un commento all’articolo dedicato alle testine per giradischi. Dato che riguarda un quesito d’interesse generale, oltretutto rilevante nella scelta e nell’impiego delle varie componenti della sorgente analogica, invece di rispondergli direttamente ho deciso di pubblicare un articolo sull’argomento.

Qui di seguito il commento di Alberto.

Buon dì, un chiarimento : con un pre avente un ingresso phono mm da 2mv ( McIntosh c-26) una testina con uscita da 5-6 mv non satura l’ingresso ?

Vai all'articolo

“IL” giradischi 6 – preamplificatore phono

Ai tempi d’oro dell’analogico, quando era il giradischi era la sorgente di punta dell’impianto audio e il digitale era di là da venire, quella dei preamplificatori phono come li conosciamo oggi era una categoria di apparecchiature non solo sconosciuta ma proprio inimmaginabile. Tutto il necessario ad accogliere il segnale prelevato dal supporto vinilico, infatti, era racchiuso all’interno dell’amplificatore integrato o del preamplificatore.

La successiva affermazione del CD non ha segnato solo un cambio di paradigma nell’ambito delle sorgenti audio, per lunghi anni ritenuto definitivo, ma anche l’eliminazione del cosiddetto stadio phono da integrati e preamplificatori.… Vai all'articolo