Prog Rock Italiano

Se ne parlava da parecchio e alla fine è arrivata: stiamo parlando della nuova raccolta discografica De Agostini, che fa seguito a quelle dedicate al jazz e al blues che hanno avuto un buon successo. Dedicata come spiega il titolo al rock progressivo italiano, si articola su ben 60 uscite. Qui salta fuori il primo dubbio, sia pure da parte di un sostenitore storico come me di questo genere musicale: ci saranno 60 album di

I dischi di Settembre

Il consueto appuntamento con i dischi del mese va in linea l’ultimo giorno utile. Giusto in tempo per segnalare l’uscita, avvenuta proprio ieri, di “Live At Pompeii”, di David Gilmour, . Il nuovo album del chitarrista, edito su 4 LP nel formato vinilico e su doppio CD per quello digitale, documenta le due serate in cui si è esibito a Pompei nel Luglio 2016, 45 anni dopo la produzione del film celeberrimo dei Pink Floyd, vera

X-Fi 2: questione di approccio (e di mentalità)

Dopo una pausa estiva prolungatasi in maniera inattesa, dato il gran numero di impegni personali cui ho dovuto far fronte, Il Sito Della Passione Audio riprende finalmente la sua attività. Tra gli argomenti che nella stagione scorsa hanno trovato l’interesse maggiore c’è quello riguardante la “X-Fi”. Allora ripartiamo da li, per fissare alcuni punti al riguardo, provando a tracciare un itinerario che permetta di oltrepassare i limiti della cosiddetta hi-end, ormai obsoleti. Ma soprattutto insoddisfacenti

Un altro grande se n’è andato. RIP Chuck Loeb

Lo scorso 31 Luglio Chuck Loeb ci ha lasciato. E’ stato uno tra i più grandi chitarristi degli ultimi decenni, anche se forse non ha riscosso il successo di pubblico che avrebbe meritato. Tra gli addetti ai lavori, invece, godeva di grandissimo rispetto. Era ancora giovane, aveva solo 62 anni. Se l’è portato via un tumore. Lascia la moglie, la cantante Carmen Cuesta che compare su numerosi suoi dischi, e due figlie, Lizzy e Christina.

Anni epici

Mentre scrivevo “I dischi di Giugno“, il caso ha voluto che dovessi occuparmi della riedizione audiophile di due album che hanno segnato la mia scoperta della musica di un certo tipo, allora una sorta di oggetto misterioso. I dischi in questione sono “The Family That Plays Together” degli Spirit e “A Salty Dog” dei Procol Harum.  Il disco degli Spirit. gruppo del grande chitarrista Randy California, mi è rimasto impresso poiché fu l’atto di iniziazione a una delle passioni

“IL” giradischi – 4 Il braccio

Il braccio è l’elemento del giradischi che permette alla testina di tracciare il solco ricavato sulla superficie del disco vinilico, seguendone quanto più fedelmente l’andamento a spirale, al fine di rilevare le informazioni in esso contenute. Prima ancora di occuparci delle sue diverse tipologie, fissiamo un concetto fondamentale che però viene spesso tralasciato. Vi abbiamo già accennato nelle puntate precedenti ma è meglio ripeterlo. Affinchè il fonorivelatore possa avere qualche probabilità di estrarre una quantità

I dischi di Giugno

In genere si tende a pensare che, con l’arrivo dell’estate, anche il mercato discografico non legato a tormentoni balneari e top da classifica tenda un po’ a rallentare. Questa volta siamo smentiti e il consueto appuntamento con i dischi del mese è più denso del solito. Approfitto dell’occasione per rilevare come questa rubrica non sia redatta a partire dai canoni consueti, che attribuiscono alla novità in sé e per sé, o meglio fine a sé

Impianti piccoli, problemi piccoli. Impianti grandi…

Nel clima di insoddisfazione generale che predomina tra i cultori della riproduzione sonora amatoriale, frequentemente i più scontenti sono quelli che dovrebbero esserlo di meno, ossia gli appassionati che possiedono gli impianti più costosi. Paradosso niente male, nel gran numero di quelli che si verificano nell’ambito di nostro interesse. Questo dovrebbe suggerire che vi sia qualcosa di sostanzialmente errato, fin dai fondamenti. Di fronte alla difficoltà, o meglio all’impossibilità di venirne a capo, prima ci

L’hi-fi al tempo della crisi

Accompagnati per molto tempo dagli annunci che hanno dato la ripresa per sicura, ma sempre a partire dall’anno venturo, siamo nel decimo anno di una crisi economica giudicata da molti come irreversibile. Dopo essere andati avanti a lungo con quella farsa, infine è balenato il sospetto che insistendo ancora si sarebbe varcata la soglia del ridicolo, oltre a quella dell’abuso della credulità popolare. Così, col pretesto dello zero virgola di crescita del PIL dopo che

OTL, gestione e manutenzione

Qualche giorno fa l’amico Alessandro mi ha inviato il messaggio seguente: Ciao Claudio, sono rimasto ammaliato dal suono OTL e ho preso un Graaf GM 20, sostituendolo temporaneamente al mio Norma 8.7B; Ma sono anche preoccupato dall’affidabilità (tutti gli OTL o solo i Graaf?) di questi apparecchi. Non per dire ma dopo una settimana di uso, proprio oggi durante un ascolto, ho sentito un botto nelle casse e ho spento subito il GM 20. Ora