Capecci Audio, la nuova sede

Capecci Audio ha inaugurato da poco la sua nuova sede.

Finalmente, occorre dire, dato che in passato i locali all’interno dei quali operava erano decisamente inadeguati. Al punto da rendere persino sorprendente il fatto che da essi siano uscite apparecchiature dalla sonorità cui Remigio Capecci ha abituato la sua clientela.

La nuova sede, oltre a essere più spaziosa e accogliente, dispone di una saletta d’ascolto all’altezza della situazione, che permette di effettuare ascolti con molto più agio rispetto al passato.… Vai all'articolo

Percorsi alternativi

In geometria la congiungente più breve tra un punto e l’altro è la linea retta. Nell’ambito della riproduzione audio,  per passare da un punto all’altro in termini di qualità sonora, si può essere chiamati a percorsi più complessi. I quali non solo si snodano su piani differenti, ma in certi casi possono risultare imprevedibili.

Il più battuto è in genere quello che si persegue attraverso una serie più o meno lunga di cambi di apparecchiature, opzione che ha dalla sua una marcata componente ludica e quindi è la prediletta da molti.… Vai all'articolo

Connettori, cosa limita il loro contatto?

La discussione sui cavi resta sempre molto accesa. Al di là delle posizioni degli uni e degli altri, questa volta andiamo a considerare un aspetto ad essi collaterale che in genere viene trascurato.

Mi riferisco ai connettori. Non soltanto a livello delle loro modalità realizzative e dei materiali che si utilizzano al riguardo, che pure sono importanti e possono influire sensibilmente sul comportamento di un cavo, ma in particolare per quanto riguarda la loro manutenzione.

Ora si dirà: se i cavi non possono avere influenza alcuna sulla sonorità dell’impianto, figuriamoci se certe cose sono alla portata dei connettori.… Vai all'articolo

La cuffia delle meraviglie?

Durante una conversazione via PC, mentre mi diceva di apprezzare le cuffie, oggetti parecchio di moda al momento, l’amico Roberto Mugnaini mi ha inviato il link a un oggetto piuttosto interessante.

Si tratta appunto di una cuffia, ma non una delle solite. Stiamo parlando infatti di un oggettino da 50.000 euro, esposto all’ultima edizione del CES, da dove un ragazzotto dall’aria spiritata, e vestito con una polo debitamente sponsorizzata, ha decantato via youtube le meraviglie di questa nuova follia.… Vai all'articolo

La percezione della qualità

Da diversi anni a questa parte uno tra i concetti di marketing più in voga è quello che riguarda la qualità percepita. In poche parole consiste nell’attribuire a un prodotto caratteristiche tali affinché il suo osservatore gli attribuisca una connotazione di qualità, anche e soprattutto qualora essa non trovi una motivazione concreta.

Lo scopo è sempre lo stesso: fare in modo che la commercializzazione di un prodotto sia la più proficua possibile in termini economici.

Tra le numerose modalità possibili atte a pervenire a un risultato del genere, c’è la cosiddetta politica del “premium price”.… Vai all'articolo

Perché le riviste parlano bene di tutto

Uno tra gli elementi che alla lunga ha causato il definitivo disamoramento nei loro lettori, riguarda il parlare bene, da parte delle riviste, di tutto quanto sottopongono a prova tecnica o d’ascolto.

I motivi di tale stato di cose sono molteplici.

Il primo lo si deve alla consuetudine, sempre da parte delle riviste, di provare quasi solo i prodotti realizzati o distribuiti da società con cui hanno in essere contratti pubblicitari. Ci sono poi le dovute eccezioni,  pronte per essere usate come una sorta di foglia di fico allo scopo di dissimulare questa realtà, peraltro verificabile facilmente.… Vai all'articolo

Diciassettemila sterline per una coppia di LS3/5A?

E’ vero che da qualche anno ci siamo abituati al fenomeno riguardante l’esplosione dei prezzi attribuiti alle apparecchiature audio, ma una cosa del genere proprio non me l’aspettavo.

Qualche tempo fa è stata messa all’asta una coppia di Rogers LS3/5A, i famosi mini-monitor della BBC, a suo tempo realizzati per l’installazione nelle regie mobili dell’emittente inglese. A detta del venditore si tratterebbe di una delle primissime coppie prodotte di quei diffusori e questo potrebbe essere, qualora venisse dimostrato, un elemento valido per spuntare un prezzo di vendita un pochino superiore alla norma.… Vai all'articolo

I motivi di un abbandono

Se è vero che tutto ha un inizio e una fine, quando decisi che era tempo di abbandonare baracca e burattini non feci altro che prendere una decisione già da  parecchio nell’ordine delle cose.

Il fatto è avvenuto dopo quasi venti anni di collaborazione e molti meno di sopportazione reciproca sempre più difficoltosa con l’allora direttore della rivista di cui ero collaboratore. Non feci altro insomma che prendere una decisione che era già da tempo nell’ordine delle cose.… Vai all'articolo

Fauna da redazione

Come dicevo nel testo di presentazione a questo sito, per una serie di motivi legati alle dinamiche del mondo reale, al tipo di società in cui viviamo e alle conseguenze che ne derivano, tutte le riviste audio hanno finito col dare la precedenza a interessi che non hanno molto a che fare con quelli dei loro lettori.

Tra chi ha operato a vario titolo nell’editoria legata al settore audio, alcuni hanno sfruttato a fondo questa realtà per i propri interessi, altri in qualche modo hanno tenuto posizioni di maggiore equilibrio, altri ancora neppure si sono resi conto del contesto nel quale erano inseriti.… Vai all'articolo